Cera d’api

Cera d’api: un prodotto elegante, naturale e tradizionale impiegato per rivestire le pareti.

La cera d’api è un prodotto assolutamente naturale.

Tale è la sua diffusione che ogni ulteriore descrizione in proposito sarebbe superflua.

Più utile può essere invece il soffermarci a descrivere l’impiego, che  in taluni ambiti specifici, può essere fatto, di essa, in edilizia.

Impiego della cera d’api

Il primo aspetto da considerare è che, all’acquisto, la cera d’api viene consegnata sotto forma di panetti.

Essi possono avere varie tonalità di colore all’interno di una gamma che va dal giallo chiaro fino al marrone scuro.

materiali-per-edilizia-cera-di-api
materiali per edilizia: cera d’api

Per poterla utilizzare, spalmandola poi sulla superficie da trattare, la cera d’api deve essere sciolta a bagnomaria, con l’ausilio di un fornello portatile.

Quando la cera raggiunge uno stato semiliquido viene distribuita con una spatola sulla superficie da rivestire.

Successivamente si provvede a lisciarla impiegando, a tal fine, anche una pistola ad aria calda.

La sensibilità dell’operatore sarà poi il vero strumento utile a fornire la misura del prodotto da applicare per ottenere il colore desiderato, anche in considerazione della superficie sottostante.

Per ciò che concerne il colore esso può essere personalizzato aggiungendo terre nel momento in cui la cera è ancora allo stato semiliquido.

In questo modo, sfruttando l’impermeabilità e la resistenza della cera, possono essere rivestite superfici sia in bagno che in cucina che, aspetto non trascurabile, si riveleranno anche molto facili da detergere.

In sostanza l’impiego della cera ad api altro non è che un ritorno al passato ed oggi, in maniera elegante ed ecologica, può sostituire la piastrellatura in ceramica o anche lo stucco veneziano.Rivestimento-cera-di-api

Rivestimento in cera d’api